TROVA

ALPE - AUTONOMIE - LIBERTÉ - PARTICIPATION - ÉCOLOGIE

Per Tutti, Pour Tous, Pe Tcheut: Luisa Trione, Giampaolo Marcoz

Abbiamo fatto tutti tanta strada nella vita e in politica per arrivare fin qui. E anche se non abbiamo fatto tutti la stessa, adesso siamo qui, tutti insieme, perché è arrivato il momento di provare a non guardare solo alla nostra storia. Ma è arrivato il momento di provare a scrivere il nostro futuro. 

Alexis Vallet, presidente di ALPE

20 Febbraio 2018

Evoluzione, restaurazione o distruzione

Evoluzione, restaurazione o distruzione

A 10 giorni dal voto possiamo dire che la situazione si sta chiarendo.
La scelta che si pone ai valdostani è tra evoluzione, restaurazione e distruzione.

Noi crediamo che LA DISTRUZIONE non possa essere la soluzione.
La società valdostana ha al suo interno la forza di riprendere in mano il suo destino senza dovere azzerare il buono che c’è.
Noi pensiamo che non si possa buttare il bambino (le opportunità della società, le potenzialità del tessuto economico, le possibilità e la forza dell’essere autonomi) con l’acqua sporca (la corruzione, la chiusura e la mancanza di progettualità).

Ma noi pensiamo che anche LA RESTAURAZIONE non possa essere la risposta.
Non può essere chi ha distrutto pezzo a pezzo il tessuto politico, economico e sociale valdostano che ne può rappresentare la riscossa.
Non può essere un progetto il cui unico collante è l’occupazione delle poltrone a ridare ossigeno a una Valle d’Aosta che fatica.

L’unica risposta che davvero può ridare un futuro di sviluppo alla nostra regione (UN PAS VERS L’AVENIR) è L’EVOLUZIONE.
E l’evoluzione è possibile solo se
1. La politica trova la capacità di riavvicinarsi alla società non solo a parole ma nei fatti, sapendo fare dei passi indietro.
2. La società ritrova l’energia di imporre il bene comune con l’impegno diretto.
3. Alla base vi è preparazione, competenza, studio, impegno personale e ideali condivisi.

Ecco cosa vogliono essere le candidature di Giampaolo Marcoz e Luisa Trione in queste elezioni:
La Valle d’Aosta che ripartendo dalla sua società e dalla sua storia determina la sua Riscossa, non per distruggere, non mantenere una propria posizione, ma per lo sviluppo del bene comune.

“Pour tous, Per tutti, Pe tcheut”

Alexis Vallet

29 Gennaio 2018

Un pas vers l'avenir

Un pas vers l'avenir

Oggi abbiamo depositato, insieme agli amici di Stella Alpina e di Pour Notre Vallée, le 600 firme necessarie per presentare il logo MARCOZ-TRIONE e introdurre la candidatura di Giampaolo Marcoz alla Camera dei Deputati e di Luisa Trione al Senato della Repubblica.
Noi crediamo fermamente che questo sia il primo passo verso un futuro migliore per la Valle d'Aosta. La dimostrazione che la politica, se fatta seriamente, sa aprirsi alla società e darle voce. ALPE crede che il tempo delle fiacche bandiere sia finito e che sia arrivato un tempo nuovo, quello delle persone capaci e per bene che hanno come unico interesse il vero bene di tutti.

Pour Tous, Per Tutti, Pe Tcheut

ALPE

22 Dicembre 2017

Il bilancio che
non c'è

Il bilancio che  non c'è

Proviamo a fare chiarezza.

Che cosa sappiamo:
1. sappiamo che il governo nazionale per il 2018 ha previsto con un emendamento (che sarà sottoposto a fiducia per cui approvato quasi certamente oggi) un contributo da parte della Valle d’Aosta di 99 milioni di Euro
2. sappiamo che il governo nazionale ha previsto un contributo della Valle anche per il 2019 e il 2020
3. sappiamo che la maggioranza regionale ha messo in piedi un bilancio non tenendo in alcun modo conto di queste richieste. Non si accantona nulla. Noi spendiamo tutto.
4. sappiamo che ancora una volta sono stati gestiti i rapporti con Roma in maniera personalistica e che ancora una volta questo ha significato disgrazia per la nostra Regione.

In una situazione del genere 3 avrebbero dovuto essere i cardini dell'azione Regionale, cardini che avremmo condiviso in pieno:

PRUDENZA: Noi di ALPE pensiamo che non si possa amministrare una regione come un'azienda privata. Visto e considerato che eventuali disastri saranno pagati dai valdostani e non da chi approva il bilancio sarebbe doveroso che il governo si muovesse con principi di PRUDENZA. La Regione non è un Casinò. Le scommesse si possono fare nella propria sfera personale, non nel gestire una regione.

ONESTA’ INTELLETTUALE: non si fanno le battaglie politiche sulle tasche dei cittadini. Non si combatte la lotta autonomista usando il bilancio. Si dimenticano i rapporti con Roma per anni (la Valle d’Aosta è l’unica regione a statuto speciale che non ha aperto un tavolo di confronto sui temi economici) e poi quando ci tolgono risorse facciamo finta di insorgere. Combattiamo la battaglia dell'autonomia sui tavoli istituzionali che le competono. Ma il bilancio non è uno di questi. La dignità autonomistica non si calcola con la paghetta che riceviamo o meno dallo stato

PROSPETTIVA: smettiamola di far finta di nulla. Per anni abbiamo gestito i rapporti con Roma in maniera disastrosa e inadeguata, ora pare si sia ricominciato. Solo una visione rinnovata e di prospettiva può pensare di gestire le sfide politiche nazionali e internazionali in modo positivo.
Invece, la maggioranza regionale compatta ha deciso di agire senza PRUDENZA (spende soldi che molto probabilmente non ha), tacconando una totale assenza di prospettiva politica con una chiamata alle armi sui soldi e, aldilà degli annunci, senza dare alcuna prospettiva ai valdostani.

Speriamo davvero che il conto che i valdostani pagheranno di questi atteggiamenti da politica di un altro secolo non sia troppo salato ma speriamo soprattutto che già tra qualche mese la Valle d’Aosta sappia spiegare come l’ora dei giochetti e dell'improvvisazione sia ormai finita.

Alexis Vallet, Presidente ALPE
Albert Chatrian, Capogruppo regionale ALPE

ALPE

Courmayeur, 27 Novembre 2017

"Esprit Courmayeur" vince le elezioni

Esprit Courmayeur vince le elezioni

Competenza, Serietà, Novità

Queste le caratteristiche di Esprit Courmayeur, la nuova maggioranza che guiderà il comune per i prossimi 5 anni.

Una squadra che ha saputo trasmettere agli elettori entusiasmo, ma anche voglia di ridare a Courmayeur un’identità alpina coniugata a modernità e avanguardia.

Tanti volti nuovi pronti ad accettare la sfida per un’amministrazione trasparente, aperta al dialogo e al confronto, in un’ottica di costante sinergia con il territorio e di attenzione ai bisogni della comunità tutta.

Buon lavoro al sindaco Stefano Miserocchi e a tutta la squadra che ha portato venti di novità ai piedi del Monte Bianco!

ALPE

ALPE - Autonomie Liberté Participation Écologie
Via Trottechien 59, 11100 Aosta - 0165 548519 - info@alpevda.eu
c.f. 91055890072