TROVA

ALPE - AUTONOMIE - LIBERTÉ - PARTICIPATION - ÉCOLOGIE

12 mesi

RAPPORTI CON LO STATO

Lo scenario
La Valle d’Aosta è la sola tra le regioni e le province a Statuto speciale ad aver pagato un contributo enorme e sproporzionato allo Stato per il risanamento della finanza pubblica. Questa trattativa scellerata ha comportato:

  • 100 milioni in meno sul bilancio regionale 2018
  • 144 milioni in meno sul bilancio regionale 2017

La risposta

  • recuperare i 244 milioni che spettano alla nostra regione
  • garantire per il futuro regole certe e concertate con lo Stato in ambito finanziario

Le modalità
Avvio di un tavolo Stato - Regione per restituire alla nostra valle una certezza finanziaria per programmare il proprio futuro.

- - -

LAVORO  E OCCUPAZIONE

Lo scenario
10 anni di crisi profonda dell’economia valdostana hanno messo in ginocchio le piccole imprese, con chiusura di centinaia di aziende, la perdita di migliaia di posti di lavoro e la crescita della disoccupazione.

La risposta

  • valorizzare le imprese valdostane negli appalti
  • agevolare le imprese che creano posti di lavoro
  • attivare una staffetta generazionale nel pubblico
  • investire risorse nel settore dei comprensori sciistici, ottimizzando gli interventi

Le modalità
Emanare una legge regionale che valorizzi le professionalità delle imprese del territorio, azzerare le imposte regionali per chi assume, ottimizzare il comparto pubblico favorendo il pensionamento e creando posti di lavoro per i giovani.

- - -

ASILI  NIDO E SERVIZI AGLI ANZIANI

Lo scenario
Tasso di natalità più basso d’Europa, progressivo invecchiamento della popolazione, costi sociali sempre crescenti: la società valdostana invecchia senza ricambio.

La risposta

  • armonizzare il lavoro con la cura dei figli e degli anziani, adottare politiche di pari opportunità di genere
  • garantire una vecchiaia serena ai nostri anziani, permettendogli di rimanere il più a lungo possibile nella propria casa
  • assicurare la continuità di cura alle persone con disabilità

Le modalità
Attivare tariffe ridotte nei servizi alla prima infanzia per renderli accessibili a tutte le famiglie, sostenere economicamente chi assiste anziani e persone con disabilità nel proprio domicilio.

- - -

SCUOLA

Lo scenario
La sperimentazione delle “adaptations”, con insegnamento plurilingue aperto alle discipline e alle nuove tecnologie, è clamorosamente fallita perché attivata senza ascoltare il mondo della scuola, senza badare ai fondamenti didattici e pedagogici, senza formare adeguatamente gli insegnanti.

La risposta

  • fissare gli obiettivi della scuola al 2030
  • ridurre del 50% la dispersione e l’abbandono scolastici
  • formare adulti plurilingue che abbiamo competenze per studiare e lavorare nel mondo

Le modalità
Dar vita a una politica scolastica condivisa che valorizzi la scuola valdostana innovandola, attraverso un piano di reclutamento, stabilizzazione e formazione del corpo docente.

- - -

TRENO

Lo scenario
Un servizio ferroviario datato e inadeguato concorre all’isolamento della regione e ostacola gli spostamenti interni per residenti e turisti.

La risposta

  • elettrificare e velocizzare la tratta Aosta-Torino
  • avviare la metropolitana leggera da Aosta a Courmayeur
  • assicurare il trasporto integrato verso le valli laterali, con biglietto unico treno/bus
  • sostituire i bus tradizionali con minivan a chiamata

Le modalità
Applicazione della legge regionale sui trasporti, acquisizione della tratta Aosta - Pré-Saint-Didier da parte della regione per adattarla a modalità di trasporto leggero, attivazione di un biglietto unico per i trasporti regionali e creazione di un sistema di trasporto leggero con pulmini da 9 posti a chiamata tramite app.

- - -

ENTE  UNICO DI PROMOZIONE

Lo scenario
La proliferazione di uffici di promozione presso i singoli assessorati regionali ha comportano una comunicazione verso l’esterno inefficace, inefficiente e costosa.

  • 4 assessorati su 7 si occupano disgiuntamente di promozione
  • mancano una strategia e una regia uniche

La risposta

  • ccorpare le competenze e delle risorse
  • attivare una direzione unica e creare un marchio distintivo

Le modalità
Creazione di una sola struttura che promuova il prodotto Valle d’Aosta, dal turismo alla cultura, dall’artigianato all’agricoltura, capace di coinvolgere gli attori sul territorio (Forte di Bard, Skyway, impianti a fune, associazioni di categoria,…).

- - -

MONTE  BIANCO

Lo scenario
Il Monte Bianco rappresenta un unicum a livello mondiale, perfetto testimonial di una regione, la Valle d’Aosta, che vuole essere attrattiva e green.

La risposta
Ottenere il riconoscimento da parte dell’Unesco entro maggio 2019.

Le modalità
Lavoro in sinergia con i partner francesi e svizzeri per il perfezionamento dell’iter di candidatura.

ALPE - Autonomie Liberté Participation Écologie
rue Trottechien 59, 11100 Aoste - 0165 548519 - info@alpevda.eu
c.f. 91055890072